DANIEL EGGLI

Per Daniel Eggli il legno è un materiale famigliare da sempre e grazie alla sua maestria nell’usare la motosega le figure scaturiscono da grezzi tronchi d’albero.

Formatosi come restauratore di mobili impara il lavoro di precisione. Alla Hochschule für Gestaltung und Kunst il lavoro scrupoloso passa in secondo piano lasciando spazio alla ricerca di una nuova espressione.

“Per me era essenziale l’espressione artistica del materiale e così iniziai ad apprezzare l’astratto e il grezzo, una tecnica che aiuta ad aumentare l’espressione del legno e della figura e che crea una nuova dinamica. La mia nuova grafia.”

Ne emergeranno donne d’affari in tailleur, uomini in giacca e cravatta, ragazzine, bagnanti, animali e automobili di lusso. A queste forme accosta nuove figure, prendendo ispirazione da questa società in costante evoluzione.

Nonostante la loro immobilità sembrano camminare tutte assieme, come trascinate.  I visi grezzi, appena accennati.

Ma dove vanno? Cosa pensano? Quanto importanti sono per la nostra società e quanto plansmano il nostro ambiente?